Tu sei qui: Home Uffici Caritas Attività Area inclusione socio lavorativa Fse

Fse

Abruzzo 2007 - 2013

Obiettivo " Competitività regionale e occupazione "

Programma inclusione sociale

(info@caritaspescara)

…da dove siamo partiti

FSE

La Caritas, per realizzare il proprio impegno a favore dell’inclusione lavorativa di persona svantaggiate ha ritenuto importante promuovere partenariati con Agenzie Formative del territorio al fine di partecipare ai bandi del P.O. FSE Abruzzo 2007-2013 Obiettivo “Competitività Regionale e Occupazione” Programma Inclusione Sociale. Esso rappresenta il principale strumento finanziario di cui l’Unione europea si serve per sostenere l’occupazione negli Stati membri oltre che per promuovere la coesione economica e sociale.

La finalità è quella di sviluppare percorsi integrati per l’inserimento socio-lavorativo di varie categorie di persone svantaggiate, offrendo la propria esperienza a supporto, in particolare, delle fasi di orientamento e di tutoraggio delle work experience nelle aziende, al fine di sostenere la persona lungo tutto li percorso formativo. Si tratta, in sostanza, di costruire una serie di opportunità di formazione professionale che possano fare da "ponte" per accompagnare la persona verso la riconquista di abilità relazionali e lavorative da spendere, in seguito, in modo proficuo nel mercato locale riducendo il rischio di fallimento, soprattutto per coloro che presentano notevoli difficoltà a seguire le logiche rigide di un normale posto di lavoro.

Sono stati vinti 6 progetti, 2 per la formazione e l’aggiornamento degli operatori sociali, e 4 rivolti a particolari utenze di persone in difficoltà. Nell’anno 2013 la Caritas ha partecipato, in qualità di partner, ai seguenti progetti finanziati con l’FSE.

 

PROGETTO PERCORSI INTEGRATI PER L’INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO DEI DETENUTI ED EX DETENUTI ADULTI (P.O. F.S.E.)

…perché

Attraverso il progetto si vogliono sperimentare modalità che aumentino l’occupabilità della popolazione carceraria aumentando il portfolio soggettivo in termini professionali e lavorativi, svolgendo corsi di formazione professionalizzanti. Inoltre, è prevista l’organizzazione di una rete di formazione e accompagnamento rispondente ai bisogni specifici di ciascun utente, grazie ad attività di supporto, orientamento al lavoro e work experience. È anche importante coinvolgere in una rete territoriale i rappresentanti del mondo socio-economico locale e i servizi socio-lavorativi, favorendo il networking integrato.

…con chi

Detenuti in regime di esecuzione penale esterna e detenuti in fase di conclusione del percorso di reclusione.

…attraverso

Gli utenti hanno usufruito gratuitamente alle azioni previste dal progetto tramite segnalazionedel servizio U.E.P.E. di Pescara: 1. percorso di orientamento socio-lavorativo attraverso il quale verranno stilati dei piani di assistenza individualizzati condivisi con gli stessi utenti. Ogni utente ha seguito un percorso formativo mirato all’acquisizione di competenze specifiche utili all’inserimento nel mercato del lavoro e/o una work experience retribuita con le imprese del territorio.

In particolare alla Caritas ha realizzato le seguenti attività:

Sportello Carcere-Lavoro (20 utenti-detenuti in regime di esecuzione penale esterna/in fase di conclusione del percorso di reclusione- per 30 ore di assistenza individualizzata)

Work Experiences (durata 10 mesi) rivolte a 10 utenti selezionati tra quelli presi in carico nello Sp. Carcere-Lavoro per lo svolgimento di un tirocinio formativo presso aziende locali.

Accoglienza abitativa per ex detenuti privi di sistemazione abitativa, quale azione di sostentamento per il reinserimento sociale.

PROGETTO PERCORSI INTEGRATI PER L’INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO DEI DETENUTI ED EX DETENUTI

MINORI (P.O. F.S.E.)

…perché

Il progetto ha inteso promuovere un modello di intervento integrato per percorsi di formazione e di reinserimento socio-lavorativo, offrendo contesti favorevoli all’esecuzione penale e attivando progetti individualizzati, alternativi e integrativi alla post-detenzione.

…con chi

Minori sottoposti a provvedimenti dell'Autorità giudiziaria segnalati dall'USSM di Pescara.

…attraverso

Gli utenti hanno usufruito gratuitamente alle azioni previste dal progetto tramite segnalazione del servizio Sociale per i Minorenni del Tribunale.

In particolare la Caritas ha realizzato le attività di:

-        accoglienze e orientamento: realizzata a 19 ragazzi. Attraverso colloqui anche con l'utilizzo e l'ausilio di Life skill, si sono individuate caratteristiche ed attitudini dei ragazzi, cercando di rafforzare la loro motivazione all’impegno nel percorso formativo e nell’assunzione di responsabilità rispetto alle attivtà intraprese.

-         Tutoraggio in Work Experiences: sono stati seguiti 12 utenti in tirocini formativi presso aziende nel territorio delle Province di Pescara e Chieti: i tutor avevano il compito di facilitare i rapporti tra azienda e ragazzi, monitoraggio dell'andamento dei ragazzi sia dal punto di vista dell'impegno che della condotta.

 

L.A.V.O.R.O. “L’Agire Verso Ogni Rotta”

…perché

Il progetto L.A.V.O.R.O. intende promuovere la realizzazione di interventi innovativi di sostegno all’integrazione socio-lavorativa degli immigrati, dalla personalizzazione dei percorsi di integrazione socio-lavorativa e dal coinvolgimento dei soggetti economici, sociali ed istituzionali operanti nel territorio regionale. Inoltre, intende prevenire il rischio della marginalizzazione lavorativa o rimediare ad essa ed assicurare agli immigrati, l'opportunità di accedere al mercato del lavoro in posizione di maggiore forza, attraverso la ricerca degli spazi di occupabilità e di imprenditorialità.

…con chi

Immigrati extracomunitari inoccupati/disoccupati, di maggiore età, in possesso di regolare permesso di soggiorno e residenti in Abruzzo.

…attraverso

I migranti hanno usufruito gratuitamente alle azioni previste dal progetto tramite modulo d’iscrizione e presentando documento d’identità, di soggiorno in corso di validità e un certificato attestante lo status di inoccupato/disoccupato rilasciato dal Centro per l’Impiego.

In particolare alla Caritas ha realizzato le seguenti attività:

 

  • Orientamento socio-lavorativo per 50 immigrati che hanno usufruito di 40 ore individualizzate. In esito al percorso di orientamento:
  •  

    -        30 utenti hanno usufruito del percorso formativo

    -        10 sono stati inseriti in un tirocinio formativo presso aziende locali

    -        10 hanno usufruito di 40 ore di matching lavorativo

    Tutoraggio in Work Experiences (durata 4 mesi) rivolto a 10 utenti.

     

    Non ci sono attualmente criteri su cui effettuare la ricerca. Aggiungili usando la scheda "criteri".