Tu sei qui: Home Uffici Caritas Attività Promozione mondialità Progetto "Bomboyè yegue la notre terre"

Progetto "Bomboyè yegue la notre terre"

 

Come nasce il progetto:

Il progetto nasce dall’esigenza di portare un’azione d’aiuto nel villaggio di Yegue, in Togo.

Il villaggio, situato vicino la frontiera con il Ghana e collegato ad altri centri abitati solo da sentieri e foreste, è caratterizzato da un’economia agricola sofferente per carenza di mezzi e strumenti; l’alto tasso di analfabetismo e il quasi totale isolamento, sono elementi che stanno flagellando le condizioni di vita della popolazione.

Cosa si sta facendo:

La presenza dell’associazione Novissi a Yegue dal 2006, ha permesso di constatare le tre necessità primarie da affrontare in questo Paese per cercare di risolvere le problematiche relative allo sviluppo concreto e duraturo della zona:

  • assistenza socio sanitaria
  • modernizzazione dei processi agricoli e di allevamento
  • alfabetizzazione della popolazione

    In questi anni si è intervenuti con la realizzazione di un orfanotrofio che accoglie circa 50 bambini, la costruzione di un pozzo per un più facile ed igienico accesso all’acqua e l’installazione di un impianto fotovoltaico per consentire una maggiore autonomia energetica.

    Grazie all'aiuto dei volontari è stato inoltre possibile ristrutturare e potenziare, tramite l'invio di materiale didattico, le aule di due scuole presenti nell’intera regione.

    Cosa bisogna fare:

    Ogni tipo di intervento effettuato ha portato e porterà dei benefici non solo all'orfanotrofio ed ai suoi ospiti e gestori, ma a tutta l'area circostante, dal momento che l'associazione Novissi impiega manodopera locale (quindi avvalendosi della collaborazione degli abitanti del villaggio) che viene formata dai volontari in modo da creare nuove competenze utili, sia al sostentamento della struttura, sia a fornire nuovi mezzi e idee per sfruttare al meglio le risorse di cui è ricco il territorio.

    L’obiettivo generale dell'iniziativa è quello di favorire la sostenibilità economica puntando all’autosostentamento della comunità locale. La presenza costante dell'associazione sul territorio consente di toccare con mano quelli che sono i reali problemi, dando strumenti adeguati di elaborazione di strategie per migliorare le condizioni di vita della popolazione.

    Si è osservato che l'economia della regione si basa principalmente sull'agricoltura e sull'allevamento, di conseguenza si continua a portare avanti diverse iniziative utili al potenziamento di questi due aspetti, stimolando l’autonomia dei processi lavorativi ed economici della popolazione locale, con la formazione del personale da impiegare in agricoltura ed allevamento, sostenendo l’economia primaria e l’identità locale attraverso 3 grandi obiettivi da realizzare:

    1. allevamento di capre e galline
    2. nuovo allevamento di suini
    3. costruzione di un mulino a macine per consentire un miglior sfruttamento delle risorse naturali finalizzato alla produzione di farine ad uso alimentare.