Tu sei qui: Home Uffici Caritas Attività Area accoglienza Cittadella dell'accoglienza "Giovanni Paolo II"

Cittadella dell'accoglienza "Giovanni Paolo II"

Cittadella dell'accoglienza "Giovanni Paolo II"

Cittadella dell'accoglienza "Giovanni Paolo II (via Alento, 39) 085.4315035

 

COME NASCE LA CITTADELLA DELL’ACCOGLIENZA

La Cittadella dell’accoglienza nasce per incrementare il servizio offerto dalle due opere segno e poter così rispondere in maniera efficace ai bisogni di un territorio che, a causa dell’attuale crisi socio-economica, vede di giorno in giorno l’aumento e la nascita di nuove situazione di disagio ed esclusione sociale. 

Dopo aver individuato un sito idoneo, sono state create delle sinergie per la realizzazione di questo nuovo e ambizioso progetto che vede istituzioni pubbliche impegnarsi al fianco di enti privati, la Fondazione PescaraAbruzzo si è resa disponibile per acquistare l’immobile individuato che, sia per la sua ubicazione in città, sia per la sua dimensione e strutturazione logistica, si presta bene ai fini del progetto. Grazie ad un primo finanziamento pervenuto dalla CEI e al sostegno dell’Arcidiocesi di Pescara-Penne è stato possibile realizzare la costruzione di una struttura in legno, destinata ad offrire una pronta accoglienza e la ristrutturazione di uno stabile già esistente, distribuito su due piani e destinato ad un’accoglienza di secondo livello. Successivamente grazie ad un ulteriore contributo della CEI e alle donazioni da parte di enti ed organizzazioni locali è stato possibile ultimare i lavori di urbanizzazione relativi alla parte esterna della struttura, alla realizzazione della Mensa e di un appartamento annesso e a tutto l’allestimento (mobilio, attrezzature, strumenti, ecc…) di tutti i locali e i servizi della Cittadella dell’accoglienza. Alcuni artisti locali inoltre hanno donato le loro opere in favore dell’allestimento degli ambienti della Mensa.

VITA DELLA CITTADELLA

La Cittadella dell’accoglienza oltre a fornire un primo livello di assistenza alla persona per il soddisfacimento dei bisogni primari e la tutela dei diritti fondamentali, si prefigge, attraverso l’unione delle due opere segno e la costituzione così di una forma di aiuto organica e strutturata, il basilare compito di creare un aggancio con gli accolti per promuovere un possibile percorso di reinserimento sociale. La persona in condizione di povertà estrema necessita di un approccio globale e complesso in quanto si trova in una situazione di grave compromissione di molti aspetti della vita: fisico, psicologico, relazionale, sociale.

Come per i due servizi precedentemente descritti la Cittadella dell’accoglienza è destinata a persone maggiorenni, senza distinzioni di sesso, razza, cultura e credo religioso che si trovano in situazione di disagio sociale. La struttura garantisce sia servizi diurni sia notturni (cura e igiene della persona, vitto e alloggio, cura della biancheria) e l'organizzazione interna è definita mediante un regolamento che stabilisce i criteri e le modalità d'accesso, i tempi di permanenza, l'utilizzo dei servizi, degli spazi, la presenza del personale, etc.

Per perseguire i propri obiettivi la Cittadella dell’accoglienza offre vari servizi di primo e secondo livello che rispecchiano una gradualità che coincide con il rispetto della persona e della sua volontà di uscire da una condizione di emarginazione accettando l’aiuto che gli viene proposto.

Attraverso una lavoro di rete dei servizi territoriali e grazie ad un tavolo di coordinamento a favore di persone in disagio, si vuole promuovere e realizzare una presa in carico condivisa finalizzata al raggiungimento del benessere dell’individuo e all’attivazione di percorsi di inclusione sociale. Il desiderio di questo progetto è quello di provare a vivere, nel solco della beatitudine che il Vangelo di Luca assegna ai poveri, in modo nuovo l’Amore di Dio già su questa terra nell’incontro con l’altro.

Galleria fotografica: clicca qui!

Alcuni numeri

Accoglienza donne: 20 posti

Accoglienza uomini: 20 posti

Prima accoglienza: 20 posti

Mensa: Si riescono a servire fino a 100 pasti contemporaneamente per offrire fino a 300 pasti distribuiti tra pranzo e cena

Sono inoltre presenti nella struttura

  • Sala comune per attività
  • Lavanderia
  • Cappella "Beata Madre Teresa"

 

    Scarica qui un opuscolo che illustra la cittadella!

    Cappella "Beata Madre Teresa"