Tu sei qui: Home Uffici Famiglia Separati Divorziati Gruppi di Parola

Gruppi di Parola

Gruppi di Parola
Percorso per Figli di genitori separati o divorziati

Percorso per Figli di genitori separati o divorziati


“Iscrivere vostro figlio ad un gruppo di parola è un'opportunità per lui di vivere meglio le trasformazioni familiari che state attraversando.”
Marie Simon

 

 

 

Cos'è un Gruppo di Parola

Un “Gruppo di Parola” è un luogo per lo scambio di esperienze e di sostegno tra figli (gruppi di ragazzi: dai 6 ai 12 anni, oppure dai 13 ai 17 anni) i cui genitori sono separati o divorziati.

E' uno spazio dove i figli possono condividere le loro esperienze. Il gruppo è una risorsa per i genitori ed i figli per accedere ai sentimenti e dare nome alle difficoltà di tutti i giorni.

 

 

Perché un gruppo di bambini o adolescenti

I figli sono coinvolti nella separazione dei loro genitori, o nella complessità di famiglie ricostituite: non sanno bene come esprimere la rabbia, la tristezza, i dubbi, le speranze, le difficoltà che incontrano per la separazione di papà e mamma. A volte non sanno con chi parlarne.

 

Partecipare al “Gruppo di Parola” significa

  • Esprimere ciò che vivono attraverso la parola, il disegno, i giochi di ruolo, la scrittura;
  • Avere delle informazioni, porre delle domande;
  • Mettere parola su sentimenti, inquietudini, paure;
  • Uscire dall’isolamento e trovare una rete di scambio e di sostegno tra pari;
  • Scoprire modi per dialogare con i genitori e per vivere la riorganizzazione familiare;
  • Affrontare tutto questo in un ambiente accogliente, per un tempo limitato, con il consenso dei due genitori e con l'aiuto di professionisti esperti nell'ascolto di bambini che vivono in famiglie separate.

 

Perché funziona

Attraverso la parola, il gioco, il disegno, la scrittura, le storie, il gioco di ruolo i bambini possono confrontarsi, in un contesto sicuro ed accogliente, sulle proprie paure e condividere le proprie strategie imparando poi ad attingere a questa esperienza nei momenti di bisogno.

Nel gruppo, i ragazzi possono sentirsi liberi di parlare ed esprimersi, oppure di rimanere in silenzio, ascoltando le proprie emozioni e quelle degli altri, e ponendosi interrogativi importanti su di sé e sulla propria famiglia.

Il gruppo protegge e rassicura i bambini, e permette di metter parola su temi “indicibili”, e di costruire una nuova fiducia e una nuova continuità nei legami. La ricerca ha dimostrato che partecipare ai Gruppi di Parola incrementa l’autostima e l’autoefficacia, libera dai sensi di colpa, contiene l’ansia e riduce il disagio dei bambini.

 

A chi si rivolge
Bambini dai 6-12 anni; per un minimo di 4 ad un massimo di 8 partecipanti per ogni ogni ciclo di gruppo.

In "cantiere": gruppi per ragazzi adolescenti (13-17 anni).

 

Com'è strutturato un Gruppo

Il Percorso prevede sei incontri:

- il primo di presentazione rivolto ai genitori;

- quattro incontri con i bambini;

- l'ultimo è diviso in due momenti: la prima parte con i bambini, la seconda anche con i papà e le mamme, per uno scambio tra genitori e figli.

La cadenza è settimanale, ed goni ciclo parte quando viene raggiunto il numero minimo di partecipanti.

Entro le due settimane dopo il percorso i genitori possono chiedere un colloquio successivo con la conduttrice del Gruppo di Parola.

 

Chi conduce il Gruppo di Parola

La responsabile del Progetto è la dott.ssa Simona Foschini, consulente psicopedagogista, mediatrice familiare, formatrice e diplomata presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma in Conduzione di Gruppi di Parola, coadiuvata da un'equipe (pscioterapeuta, consulente familiare, assistente sociale).

 

Osservatorio nazionale sui Gruppi di Parola

Il progetto del Consultorio Familaire Diocesano UCIPEM di Pescara rientra nell'osservatorio nazionale sui gruppi di parola coordinato dall’Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli - Università Sacro Cuore di Milano.

 

Ulteriori Info e Iscrizioni

(dal lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15.00 alle 19.00; martedì e giovedì dalle 9.00 alle 13.00)

 

Referente per il Consultorio:

Simona Foschini (consulente psicopedagogista, mediatrice familiare, formatrice)

 


Per saperne di più...

http://www.ucipempescara.org/